Vuole il processo e spera nella galera! Diciotti, Renzi ha annunciato che voterà contro Salvini

Loading...

Matteo Renzi voterà a favore dell’autorizzazione a procedere avanzata nei confronti di Matteo Salvini. Lo ha annunciato lo stesso ex presidente del consiglio con un post su twitter: “Sono arrivate in Senato le carte del Tribunale dei ministri nei confronti di Salvini.

Dopo averle lette con attenzione e senza alcun pregiudizio ideologico, voterò a favore della richiesta di autorizzazione a procedere”. A questo punto, bisognerà capire cosa farà il Pd. Nessuno dei leader dem ha fino a questo momento preso una posizione netta come quella di Renzi. 

“Bisogna seguire l’iter della richiesta in giunta e approfondire la questione da tutti i punti di vista”, hanno detto i quattro componenti dem della Giunta per le elezioni, che sono i senatori Francesco Bonifazi, Anna Rossomando, Nadia Ginetti e Giuseppe Cucca.

Sono arrivate in Senato le carte del Tribunale dei Ministri nei confronti di Matteo Salvini. Dopo averle lette con attenzione e senza alcun pregiudizio ideologico, voterò a favore della richiesta di autorizzazione a procedere.

Informazioni e privacy per gli annunci di Twitter650 utenti ne stanno parlando

Le posizioni all’interno della Giunta: 12 sì, 9 contrari – La Giunta si riunirà per la prima volta per affrontare la richiesta mercoledì 30 gennaio alle 11. I componenti dell’organo parlamentare  presieduto da Maurizio Gasparri dovranno votare a scrutinio palese. Fra i 23 membri della commissione, Salvini può certamente contare sui 4 senatori della Lega.

Loading...

Probabile che a suo favore si esprimano gli esponenti di Fratelli d’Italia e di Forza Italia: il totale fa nove voti. Luigi Di Maio ha invece confermato quanto anticipato da Gianluigi Paraone: i sei esponenti del M5svoteranno sì al processo del ministro dell’Interno. Con i voti dei dem, in totale fanno dieci senatori a favore dell’autorizzazione a procedere. 

L’ex presidente del Senato Pietro Grasso non si è ancora pronunciato, anche se la settimana scorsa ha eloquentemente postato una prima pagina di Libero dell’agosto 2018 in cui Salvini si diceva pronto a rinunciare all’immunità e ad affrontare i processi. Restano in sospeso, ma non necessariamente in bilico, l’ex M5S Gregorio De Falco e Meinhard Durnwalder – di Svp-Autonomie, si è astenuto sulla fiducia ma ha votato contro la manovra – che vogliono rendersi conto della situazione una volta esaminati i documenti e tutte le carte del caso. In giunta quindi, sarebbero 12 voti a favore del processo a Salvini e 9 contro, con due senatori incerti.

L’iter legislativo: se Pd vota con M5s, Salvini a processo –La giunta per le elezioni e le immunità dovrà presentare una relazione sul caso a Palazzo Madama entro 30 giorni. Se propone di dare il via libera all’autorizzazione a procedere, senza che all’interno ci siano opinioni contrarie, l’Aula non vota: le carte tornano al tribunale dei ministri e comincia il processo a Salvini. Ma se all’interno della giunta ci sono proposte di cassare l’autorizzazione, anche minoritarie, Palazzo Madama deve comunque esprimersi entro 60 giorni. È quello che succederà.

A quel punto quindi l’Aula dovrà esprimersi. Il Pd ha 52 voti: se tutti seguiranno l’indicazione di Renzi, andranno a sommarsi ai 107 del M5s. A quel punto voteranno a favore dell’arresto di Salvini in 159. Anche se tutti gli altri dovessero votare a favoce di Salvini, il ministro dell’Interno finirebbe a processo davanti al tribunale di Catania. 

È accusato di sequestro di persona aggravato: rischia fino a 15 anni di carcere. Sarà anche per questo motivo se il ministro e vicesegretario della Lega, Lorenzo Fontana, in un’intervista alla Stampa ha detto: “Se da parte del M5S ci dovesse essere la scelta del voto favorevole all’autorizzazione a procedere questa avrà inevitabilmente delle conseguenze politiche”.

Loading...

Potrebbero interessarti anche...