Il generale della Folgore scrive a Pinotti: “Basta finanziamenti a pioggia all’Anpi. Noi ce li sognammo”

L’ex generale della Folgore e presidente dell’associazione nazionale paracadutisti, Marco Bertolini, scrive al ministro della Difesa Pinotti dopo la polemica sulla stele per i parà “nazisti”: “Basta finanziamenti a pioggia all’Anpi. Noi ce li sognammo”. Ed ha ragione Bertolini, l’inutile associazione dei partigiani prende milioni di euro dei contribuenti per pagliacciate antifasciste in piazza, per istigare all’odio e dividere il paese. Quei denari potrebbero essere utilizzati per dare risorse alle forze dell’ordine e alle forze armate.

Non si ferma la polemica a Cassino tra paracadutisti e partigiani. La querelle della stele per i “parà nazisti”, aspramente contrastata dall’Anpi, è diventata un vero e proprio caso istituzionale.

Che ha coinvolto anche il ministro della Difesa, Roberta Pinotti. Il Generale Marco Bertolini della Folgore, presidente dell’Assciazione Nazionale Paracadutisti d’Italia, infatti, ha scritto una lettera al ministro per chiedere spiegazioni riguardo la “frittata” partigiana e suggerendo di togliere i fondi ai nipoti dei partigiani.

 

Alcuni giorni – si legge nella missiva – fa il Generale di Corpo d’Armata Hans-Werner Fritz, Presidente dell’associazione paracadutisti tedesca, mi aveva avvertito che stava venendo in Italia con un gruppo di associati per una cerimonia a Cassino in memoria dei valorosi paracadutisti tedeschi che caddero durante la Seconda Guerra Mondiale. Il generale Fritz era il mio corrispettivo presso il Coiu tedesco di Potzdam quando io ero in servizio con lui vennero affrontati molti problemi comuni, tra cui il coordinamento dei nostri sforzi per l’ormai dimenticato ripiegamento dell’Afghanistan, l’alternarsi italo-tedesco al Comando della Task Force a Erbil, ed altre cosette del genere. Ovvio quindi che tra lui e me si creasse una certa familiarità sfociata in amicizia nel corso del Congresso delle Associazioni Paracadutisti Europee del 2017, durante il quale ci siamo reincontrati, seppur in vesti differenti da quelle con le quali ci eravamo salutati un anno prima a Erbil“.

Dopo la protesta dell’Anpi e la cancellazione della cerimonia, il generale Bertolini ha esoposto al collega “i miei sentimenti. Che sono di vergogna profonda”. E così ha deciso di prendere carta e penna e scrivere alla Pinotti “per metterla a parte della frustrazione di tutta l’Anpd’I e per suggerirle di prendere qualche misura per ribadire ai nostri commilitoni tedeschi, ma non solo, che gli appelli alla sbandierata “difesa comune” europea non sono parole vuote. E che non abbiamo dimenticato i doveri che ci derivano dalla nostra ppartenenza alla civiltà cristiana, che ha nel culto dei morti, di tutti i morti, e soprattutto dei Caduti, di tutti i Caduti, uno dei suoi più radicati appigli“. Infine, l’accusa contro l’associazione dei partigiani: “Le chiedo – scrive Bertolini – anche di valutare se un’associazione come l’Anpi, protagonista di questa bella frittata oltre che di tutt’altro che edificanti manifestazioni di carattere virulentemente politico come quello che ci ha proposto la cronaca degli ultimi mesi, possa essere confusa con le associazioni d’Arma, avendo anzi contributi finanziati dal Suo Ministero che le altre non possono neppure immaginare“. Finanziamenti che Giuseppe De Lorenzo aveva svelato in una inchiesta sul Giornale

con fonte Il Giornale

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *